Gruppo consiliare Pd sul caso Sea Watch

“Carola Rackete questa notte ha deciso di entrare nel porto di Lampedusa senza autorizzazione preventiva. Lo ha fatto dopo aver invocato lo stato di necessità, con un’azione di coraggio e in conformità con i trattati internazionali, dopo 17 giorni in attesa di un porto sicuro. Lo ha fatto perché un’operazione di salvataggio non può dirsi conclusa fino allo sbarco; perché il Governo italiano, già a conoscenza della procedura di redistribuzione avviata dall’Unione Europea, non ha comunque consentito l’operazione. Carola è stata arrestata con l’accusa di resistenza o violenza contro nave da guerra”. Il gruppo consiliare del Partito Democratico di Prato esprime piena solidarietà e vicinanza alla “Capitana” e alle quarantadue persone che finalmente questa mattina hanno messo piede a terra, e condanna la strumentale condotta del Ministro dell’Interno.

Ultime News

Il Comune di Prato verso il plastic-free: i dettagli della proposta lanciata dal Partito Democratico e sottoscritta da tutta la maggioranza

“È davvero significativo che la prima mozione sottoscritta dalla maggioranza in consiglio comunale p...

Read More

Sfruttamento lavorativo: i gruppi di maggioranza chiedono al Governo un impegno concreto e lo fanno con un’apposita interrogazione in Consiglio comunale

I gruppi di maggioranza in consiglio comunale hanno presentato un’interrogazione per discutere di co...

Read More

Artestampa, Guerrini (PD) presenta un’interrogazione al sindaco: “Necessario capire i prossimi passi e condividerli con i cittadini interessati”

In seguito ai controlli effettuati da Arpat a Viaccia – controlli che hanno accertato i motivi del c...

Read More

Situazione tribunale Prato, i gruppi di maggioranza presentano un ordine del giorno: “Il Governo batta un colpo”

I gruppi di maggioranza hanno presentato un ordine del giorno per affrontare la questione tribunale....

Read More
Responsive Menu Pro Image
Partito Democratico Prato
X