2019, il nostro programma per Prato

Sostieni PD Prato

Devolvi il tuo 2×1000 al PD Prato inserendo il codice M20 nella tua dichiarazione dei redditi.

Sostienici

Iscriviti al nostro canale Telegram

Spesso si parla del distretto economico pratese come di una realtà sostanzialmente decotta, destinata a una crisi irreversibile e quindi a riconvertirsi urgentemente su altri settori rispetto a quello tradizionale legato al manifatturiero tessile.Senza dubbio la nostra realtà locale ha subito negli anni numerose crisi economiche che ne hanno cambiato

Spesso si parla del distretto economico pratese come di una realtà sostanzialmente decotta, destinata a una crisi irreversibile e quindi a riconvertirsi urgentemente su altri settori rispetto a quello tradizionale legato al manifatturiero tessile.Senza dubbio la nostra realtà locale ha subito negli anni numerose crisi economiche che ne hanno cambiato profondamente la struttura e la dinamica interna di sviluppo. Tuttavia i numerosi “profeti di sventura” che proclamano spesso la morte del sistema tessile pratese non sembrano trovare conferma nei dati che

Segui @pdprato su Twitter.

Iscriviti alla nostra newsletter

Cinquecento aziende pratesi del comparto nobilitazione in attesa di ricevere gli sgravi fiscali dell’Ue: l’interrogazione di Tinagli (Pd) in consiglio comunale

Circa cinquecento aziende pratesi, attive nel comparto della nobilitazione, avranno una risposta in autunno in seguito alle osservazioni inviate alla commissione europea dalle associazioni di categoria, dalle imprese, dal Comune di Prato e dalla Regione Toscana, per includere le aziende energivore nella lista di quelle che godranno degli sgravi fiscali previsti dall’Unione Europea.  Grazie all’interpellanza urgente inoltrata al Governo dall’onorevole Pd Antonello Giacomelli, anche il Governo si è detto disponibile a sostenere questa importante richiesta del distretto.

Il Segretario provinciale Pd incontra il Prefetto Scialla. Bosi: “Continuare la lotta allo sfruttamento sul lavoro”

Si è svolto oggi l’incontro con il Prefetto di Prato chiesto la settimana scorsa dal Segretario provinciale Pd Gabriele Bosi. “Al Prefetto, che ringrazio per l’attenzione – dichiara – ho espresso innanzi tutto preoccupazione per gli scontri violenti che si sono tenuti davanti all’azienda “Panificio Toscano”, finiti anche sulla cronaca nazionale e su cui la Procura ha aperto un fascicolo per accertare le responsabilità. Ho poi sottoposto alla sua attenzione il tema dello sfruttamento sul lavoro presente nel nostro distretto, questione che deve essere affrontata in modo sistematico e non episodico. Con il protocollo del 2017 le parti sociali pratesi hanno avanzato proposte convincenti per lottare contro l’illegalità economica, proposte che la Prefettura ha poi portato avanti redigendo nel 2018 un Piano d’intesa con i Comuni della provincia per mettere a sistema i dati e le informazioni forniti dagli enti istituzionali del territorio per poter effettuare controlli più mirati ed efficaci nelle aziende – prosegue Gabriele Bosi – Ho chiesto aggiornamenti su questo percorso e ricevuto conferma, da parte del Prefetto, sul fatto che questo lavoro viene portato avanti con convinzione”.

Il Comune di Prato verso il plastic-free: i dettagli della proposta lanciata dal Partito Democratico e sottoscritta da tutta la maggioranza

“È davvero significativo che la prima mozione sottoscritta dalla maggioranza in consiglio comunale parli in modo concreto di salvaguardia dell’ambiente” queste le parole del consigliere comunale del Partito Democratico Marco Biagioni, promotore della mozione che propone di rendere plastic-free tutti gli uffici e i servizi comunali, in seguito all’approvazione all’unanimità di giovedì 11 luglio. “La proposta di mandare in pensione la plastica monouso deriva da una vera e propria emergenza ambientale: basta pensare che – secondo il CNR – solamente nel mar Tirreno si trovano circa 10 chilogrammi di plastica ogni chilometro quadrato e che la metà di questi rifiuti derivano da prodotti in plastica monouso come ad esempio piatti, bicchieri e forchette”.

Scontro Polizia-Si Cobas, il Pd chiede un incontro al Prefetto. Il segretario: “Vogliamo capire quali azioni saranno intraprese per evitare situazioni del genere”

Il Partito Democratico, attraverso le parole del segretario Gabriele Bosi, chiede al Prefetto un incontro chiarificatore su quanto accaduto nella notte tra il 7 e l’8 luglio fuori dall’azienda “Panificio Toscano” e su quali sono le misure pensate per far fronte a situazioni del genere. “Manifestazioni, scioperi, presidi sindacali devono avvenire nelle regole e senza nessuna forma di violenza gratuita – dichiara Gabriele Bosi –  A nome del Partito Democratico, intendo chiedere al Prefetto un incontro per far chiarezza e per confrontarci su una situazione che ultimamente torna a ripetersi pericolosamente. Vogliamo capire quali azioni saranno intraprese per fare in modo che episodi del genere non si verifichino più”.

Cinquecento aziende pratesi del comparto nobilitazione in attesa di ricevere gli sgravi fiscali dell’Ue: l’interrogazione di Tinagli (Pd) in consiglio comunale

Circa cinquecento aziende pratesi, attive nel comparto della nobilitazione, avranno una risposta in autunno in seguito alle osservazioni inviate alla commissione europea dalle associazioni di categoria, dalle imprese, dal Comune di Prato e dalla Regione Toscana, per includere le aziende energivore nella lista di quelle che godranno degli sgravi fiscali previsti dall’Unione Europea.  Grazie all’interpellanza urgente inoltrata al Governo dall’onorevole Pd Antonello Giacomelli, anche il Governo si è detto disponibile a sostenere questa importante richiesta del distretto.

Nessun Evento nella Lista a quest'ora